eabio129Dopo l’interesse mostrato per l’argomento e le segnalazioni giunte da piu’ parti, abbiamo deciso di indagare ulteriormente sul progetto di costruzione di una centrale di trasformazione nell’area industriale della Val  di dittaino.

I progetti che hanno interessato, e continuano ad interessare, quest’area sono molteplici. La maggior parte dei quali si sono rivelati inutili, controproducenti, o, piu’ semplicemente, spot pre-elettorali.

E’ importante sottolineare che qualsiasi fase dello sviluppo di un progetto, anche la stesura di una bozza, comporta un certo impiego di denaro pubblico…cioe’ soldi dei cittadini che poi dovrebbero trarne vantaggio.

Per regolare tutto cio’ i nostri amministratori (comunali, provinciali e regionali) hanno deciso di creare degli apparati burocratico-programmatici adibiti a presentare progetti e di conseguenza a reperire fondi. Tra i tanti citiamo due organizzazioni che ci interessano da vicino: GAL Kalat e Corone degli Erei.

Quest’ultima organizzazione, che unisce i comuni di CASTEL DI IUDICA, CATENANUOVA, CENTURIPE, RADDUSA, RAMACCA e REGALBUTO, ha persino un BLOG  ( link ) aggiornato al giugno 2008 ed un SITO ( link ) “ufficiale” (ricco di link non funzionanti e addirittura della pubblicita’).

Visitando il sito “ufficiale” troverete molti documenti che in sostanza parlano solo di un progetto (oltre ai vari documenti di carattere burocratico-amministrativo) che a quanto pare, e’ andato avanti per anni.

Indovinate quale?

Quello riguardante la costruzione di una centrale a biomasse (trovate piu’ informazioni in merito nelle precedenti puntate de “La festa del Cancro”).

Ecco i documenti piu’ interessanti:

Manifestazione di interesse

Schema di funzionamento

Draft fattibilita’

Interessante notare anche la presenza di un indirizzo email:

coronedeglierei@interfree.it

Nel tentativo di contattare un rappresentante, una segreteria o un semplice impiegato.. abbiamo deciso di mandare una email per chiedere alcune delucidazioni.

Ecco il testo dell’email:

Salve,

dai documenti programmatici presenti sul vostro sito e’ inequivocabile l’interesse della “corone degli Erei” nella progettazione e realizzazione di un impianto a biomasse che dovrebbe interessare il territorio dei comuni aderenti a tale “organizzazione”.

Speriamo possiate rispondere alle seguenti domande:

1. In quale fase si trova l’iter del progetto?

2. Quali finanziamenti sono previsti per la realizzazione dell’opera?

3. Quali sono le aziende coinvolte?

4. Quale relazione c’e’ tra questo progetto e quello proposto anni prima che avrebbe dovuto interessare l’area di Val di Dittaino di cui si fa accenno su wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Polo_Industriale_di_Enna#Energia_Alternativa:_Enna_Solar_City_grazie_a_Dittaino

e su questo sito:

http://www.piazza-grande.it/dazebao/archivio/2005/legambiente/biomasse.htm

5. E’ gia’ stata individuata l’area?

6. Sono stati fatti studi sull’impatto ambientale sul lungo periodo relativamente a disponibilita’ delle materie prime, desertificazione e deforestazione, stabilita’ idrogeologica e approvvigionamento idrico oltre che sulla tossicita’ delle emissioni?

7. E’ stata coinvolta l’ARPA?

8. Avete condotto delle ricerche sullo stato di funzionamento delle altre centrali a biomasse presenti sul territorio italiano e sulla loro effettiva efficienza?

9. I cittadini dei comuni aderenti hanno ricevuto le dovute informazioni in merito? Non credete sia giusto chiedere il parere di chi vive nelle aree interessate, prima di iniziare a spendere soldi pubblici nella progettazione di un impianto a biomasse?


Nella speranza di ricevere delle risposte vi rivolgiamo i nostri piu’ cordiali saluti.

raddUSA today


A differenza di quanto era logico aspettarsi, stranamente, la “Sacra Corona Unita degli Erei” ha risposto alla nostra email…o quasi.

to be continued…

raddUSA today

P.S: Qui trovate il programma della festa del grano 2009

Annunci